Benvenuti!!! Welcome!!!

05 - 12 - 2012
Ed ecco il lieto evento, è nata un'aragosta blu!!!
Perché l'aragosta blu? Intorno a giugno del 2012 fu pescato un'esemplare di aragosta blu in Nuova Scozia, Canada. La probabilità di trovarne una è all'incirca una su due milioni. Il particolare colore è dovuto a un difetto genetico del pigmento del carapace, un po' come le tigri o i leoni albini.Mi sembrava quindi carino identificare il mio blog come qualcosa che va oltre le solite ricette di cucina. Qui si parlerà di tecniche, di cucina della nonna, di metodi dimenticati, di cene a tema per stupire, di etnico, di preparazioni fatte in casa. Tutto quello che riguarda la cucina in un discorso un po' più vasto e diverso dal solito.Condividerò quindi 20 anni circa di ricerca, di studio, di osservazioni e di tanta passione. Adesso accomodatevi e prendiamoci un caffè...

mercoledì 5 dicembre 2012

Tirokafteri - crema di feta piccante

In un ristorante greco mangiai una sera come accompagnamento a della carne di agnello, questa crema bianchissima e piccantissima!!!

Era evidentemente fatta con la feta, ma non sapevo la procedura. Dopo vari tentativi mi sono creata la crema di feta che più si avvicinava al gusto di quella che avevo mangiato nel ristorante, i greci mi perdoneranno se ometto o vario qualcosa, diciamo quindi per essere corretti  che la mia è una "simil-tirokafteri"

INGREDIENTI:

un panetto di feta
peperoncino fresco piccante (in mancanza va bene quello secco) q.b.
1 spicchio d'aglio (o mezzo se vi sembra troppo)
vino bianco quanto basta.

PROCEDIMENTO:
Il difficilissimo procedimento consiste nel.....mettere tutto (escluso il vino) in un frullatore e frullare!!!
Deciderete voi la consistenza, se la volete più granulosa frullate poco, a me che piace più liscia la faccio frullare qualche minuto in più. Il vino va usato per aiutare a frullare gli ingredienti, magari messo in due o tre volte. Ottima per accompagnare la carne (soprattutto perché rinfresca la bocca se la carne è troppo grassa) e le verdure, col pesce non ce la vedo molto.

2 commenti:

  1. Mi viene un dubbio: la tirokafterì è con o senza aglio? Mi puoi dare conferma... se non dovessi ripassare puoi gentilmente scrivermi alla e-mail che trovi sul mio sito ISOLE-GRECHE anche perché sto pensando ad un progetto sulla cucina greca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ti rispondo qui poi copio e incollo anche sulla tua mail. Quella che avevo mangiato io nel ristorante greco, dopo aver un poco insistito col cameriere, aveva questi elementi. L'aglio fra l'altro non manca mai nei piatti greci, è una loro caratteristica! Ho visto che ci sono ricette che comprendono in aggiunta a questi elementi anche qualche goccia di succo di limone e yogurt. Io dopo vari tentativi l'ho fatta semplice come mi avevano detto ed è molto più in purezza e meno pasticciata. Poi comunque è sempre questione di gusti.

      Ciao e a risentirci
      Cris

      Elimina